Elena Cattaneo

Responsabile è bello

C’è una novità colorata e sostenibile nata per non farsi fermare dal maltempo: la collezione di pantaloni e accessori per la pioggia Bragoon

Basta un’occhiata e ti invade la voglia di infilarti in un paio di Bragoon. E uscire, anche sotto la pioggia. Ma cos’è Bragoon, oltre pattern psichedelici e colori? Scopriamolo insieme.

  • Innanzitutto è una startup, frutto dell’iniziativa di tre professioniste milanesi legate da senso pratico, estetico, ma soprattutto dal desiderio di investire in un prodotto che avesse il minor impatto possibile sull’ambiente.
  • È una collezione di capi tecnici che si inseriscono nel mondo “rainwear”, di solito piuttosto monocolore, con un atteggiamento e uno stile del tutto nuovi.
  • Pantaloni e ghette, i primi indumenti proposti dal brand, combinano design, moda, ecosostenibilità e prestazioni tecniche: i pantaloni sono resinati internamente e termonastrati.
  • Il mondo di Bragoon è la città: in un momento in cui l’attenzione verso la mobilità sostenibile dovrebbe essere un valore per ognuno di noi, i capi antipioggia Bragoon suggeriscono un cambiamento di passo. “Let it rain” è il loro motto: la pioggia è utile alla terra, non viviamola come un fastidio, anzi, usciamo e affrontiamo le strade urbane con gioia e colore, in bici, monopattino o scooter, anche quando il cielo è grigio.

Responsabilità

Il processo produttivo degli indumenti della collezione Bragoon è stato scelto per la particolare attenzione al rispetto ambientale, sotto tutti i punti di vista.

  1. Sono prodotti con tessuto certificato ottenuto dal riciclo di bottiglie di plastica (RePET®). Il PET (polietilene tereftalato) è una materia sintetica riciclabile al 100% che durante il processo di recupero non perde le sue proprietà fondamentali: è perciò trasformabile ripetutamente per la realizzazione di tessuti e altri prodotti pregiati.
  2. È stato fatto un attento studio al design dei pantaloni in modo da ottenere capi Uni-Sex, Uni-Size e Uni-Fit. Grazie alla particolare allacciatura, infatti, non esistono taglie, né modelli diversi per genere. Un unico capo, per esempio, può essere usato dai diversi membri della famiglia e questo è un ulteriore, importante, punto a favore della sostenibilità del prodotto.
  3. L’importanza dei dettagli. Anche il packaging è stato ideate per essere facile da riciclare e meno inquinante possibile. Ogni capo Bragoon viene consegnato in una scatola di cartone riciclato, contenuto e protetto da un sacchetto postale biodegradabile, di resina naturale con colle e inchiostro naturali, certificato “OK Compost!”.

Bragoon

Il nome, inventato e inglesizzato, deriva dal termine in dialetto milanese “braghe” che significa pantaloni.

L’ispirazione, invece, è il mondo della Swinging London, quello delle minigonne di Mary Quant e della rivoluzione musicale dei Beatles e dei Rolling Stones.

I pattern proposti dalla collezione 2020/2021 sono sei: Shanty, Ziggy, Seventy, Flower Power, Savage e Tartan.

La vendita è online sul sito del brand.

Foto still life di Curti Parini – foto ambientate di Fernando Lombardi.

INSTAGRAM

[instagram-feed feed=1]